Darsi un senso

Progettare, evolvere, darsi un senso oltre il terreno e l’immediato.
Pianificare, rompere gli schemi, agire istintivamente.
E intanto restare, conoscere il proprio posto, il proprio ruolo, sapere il bene e il male, scegliere.
Guardare le labbra del tuo interlocutore fare no e capire sì.
Sentirti vivo o, più semplicemente, sentirti.
Arrivare ai piedi del monte e comprendere al primo sguardo che fu plasmato lungo interminabili ere geologiche affinché tu potessi avere ancora qualcosa da scalare.
Infine, preparare corde e moschettoni, camminando la pianura.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>